• italian
  • english

ArtCodex atelier del codice miniato

Il Pontificale di Bonifacio IX

ms. vat. lat. 3747 (fine XIV sec)
custodito nella Biblioteca Apostolica Vaticana - Città del Vaticano
biblioteca Apostolica Vaticana

Biblioteca
Apostolica
Vaticana

Un gioiello d'arte sacra: Il Pontificale di Bonifacio IX, un capolavoro d'arte medievale conservato presso la Biblioteca Apostolica Vaticana, si distingue nello scenario dei codici miniati grazie alla fantasia e alla brillante creatività dei miniatori.
Questo splendido codice, contenente il rituale e le preghiere delle funzioni papali, è composto di 88 pagine riccamente miniate, dalle quali affiora l'incantevole lucentezza dell'oro e dei vividi colori.
Perchè Pontificale di Bonifacio IX? Il primo facsimile in esclusiva mondiale realizzato con foglia d'oro zecchino (23 kt), certificato dalla Biblioteca Apostolica Vaticana a firma del Prefetto Mons. Raffaele Farina.
Impianto iconografico ricchissimo: 11 miniature a tutta pagina (cm 31x21) con scene che descrivono le cerimonie di vestizione papale.
Documento esclusivo della magnificenza papale di Roma nel periodo della cattività avignonese.
Il primo esemplare della Collectio Vaticana, realizzata in coedizione con la Biblioteca Apostolica Vaticana.
Le miniature: Il codice, realizzato durante il Pontificato di Bonifacio IX (1389 - 1404), offre un ricchissimo apparato iconografico: la maggior parte delle carte sono decorate da iniziali miniate e da raffinate cornici, impreziosite dall'oro e adorne di elementi antropomorfi dai colori intensissimi.
A completamento della spettacolarità che contraddistingue questo manoscritto vi sono poi le 11 splendide miniature a piena pagina, sfolgoranti d'oro.
L'importanza storico artistica del codice: Il Pontificale di Bonifacio IX è un'opera d'arte che si connota di importanti valenze storiche: le immagini raffigurate, descrivendo minuziosamente le cerimonie papali, restituiscono alla storia alcuni dettagli perduti in merito all'abbigliamento e agli accessori utilizzati nelle celebrazioni liturgiche del '300.
E' interessante osservare come non manchino richiami all'arte figurativa dei celebri maestri del '300.
L'esempio più illustre è rappresentato dalla miniatura del foglio 39v, raffigurante Bonifacio IX davanti ad una folla durante la Benedictio coram populo: tale miniatura ricorda il celebre frammento dell'affresco di Giotto in San Giovanni in Laterano, dove il pittore rappresenta la riunione del popolo di fronte a Papa Bonifacio VIII, in occasione della promulgazione del primo giubileo del 1300 .

Caratteristiche del facsimile

  • Riproduzione integrale in oro zecchino 23 kt su cartapergamena del codice vat. lat. 3747 conservato presso la Biblioteca Apostolica Vaticana
  • Volume di formato 31 x 21
  • 88 pagine con coperta in pelle, completa dello stemma di papa bonifacio ix inciso in oro
  • Legatura interamente eseguita mano, nel rispetto della profilatura delle pagine e dei colori del capitello
  • Cofanetto in legno pregiato
  • Tiratura di 500 copie numerate e certificate
  • Volume di commento realizzato dal Comitato Scientifico coordinato dalla Biblioteca Apostolica Vaticana

La lamina color oro

La decorazione in oro, resa con il sistema brevettato ArtCodex® di stesura della lamina color oro, si presenta in rilievo come nel codice originale, come se avesse subito l'azione del tempo.
Ogni dettaglio viene riprodotto fedelmente, dalle lavorazioni a bulino ai disegni sull'oro, dall'oro polvere steso a pennello alla doratura con foglia oro: lo splendido effetto ottenuto è quello di un'armonica fusione cromatica tra i particolari in oro e i brillanti elementi iconografici delle miniature.

Legatura e copertina

Il processo di legatura dei codici viene realizzato utilizzando le consuetudini delle antiche legatorie artigianali. Le lavorazioni, eseguite in botteghe manifatturiere che ancora conservano l'antico torchio manuale, corrispondono alla cucitura a mano del capitello e dei fogli, nell'assoluto rispetto della profilatura delle pagine del manoscritto. Infine, la copertina viene riprodotta in facsimile rispettando rigorosamente tutte le caratteristiche dell'originale: ogni lavorazione viene eseguita a mano, rispettando la fogliazione del codice e utilizzando i materiali dell'epoca.

La cartaPergamena®

Il tipo di carta pergamenata impiegata, la cui peculiarità garantisce che ogni singolo foglio sia uguale all'originale, viene prodotta da una cartiera di fiducia: la cartaPergamena, in seguito ad un trattamento di "invecchiamento", ricrea lo stesso effetto di movimento che il trascorrere del tempo ha provocato sull'originale. Il colore della pergamena viene poi fedelmente riprodotto in fase di stampa: ogni segno del tempo - quali pieghe, macchie e trasparenze - viene riproposto esattamente, concorrendo a donare al codice la stessa sensazione d'antico che caratterizza il manoscritto medievale.